You are currently browsing the tag archive for the ‘la vita felice’ tag.

linguaditerra

Lingua di terra, l’ultima silloge poetica di Raffaele Niro edita da La Vita Felice con il preambolo di Maria Grazia Calandrone e la postilla di Irene Ester Leo, è peninsulare. Un istmo di poesia, bagnato su ambo i lati, che divide e allo stesso tempo congiunge vasti territori immaginari ed è il raggiungimento di una maturità stilistica evidente. Potenza espressiva e forza creativa nuotano contro corrente fino a raggiungere la riva, trascinando con loro l’espressione individuale. La cancellazione dei confini geografici e temporali attraverso la comunicazione, la parola, il verbo, il verso, la narrazione. La raccolta è un intreccio polivalente di sentimenti e sensazioni con lo stile anzi gli stili inconfondibili di Raffaele Niro, un poeta di cui sentiremo sicuramente parlare in futuro, ed è suddivisa in cinque sezioni, cinque gironi nireschi: Alberi di ricerca, Camminamenti umani, Rovine del tempio di Arcadia, Baia sommersa e Acquaviva. Saliva che si mischia a sangue e sudore, ricerca delle proprie radici, attaccamento ai valori e agli ideali defunti o presunti. Il cambiamento come processo naturale del divenire. Multiformi variazioni di temi, giochi e sperimentazioni linguistiche che raggiungono, oscillando, il vertice dell’equilibrio senza perdersi o cadere nel retorico della retorica. La tensione di una nuova forma di poesia intrisa di visioni e di realtà. La relatività dell’esistere e la memoria dell’essere; gocce d’intimità e la percezione di odori, amori e sapori attraverso metafore di similitudini. La sua casa è la nostra casa, ci invita ad entrare tenendo accostata la finestra, ci invita ad entrare di nascosto, senza farci vedere. Non bisogna fare troppo rumore. La porta per il momento è chiusa, quando usciremo, sarà proprio lui ad aprircela. Il Poeta vuole ingannarsi e ingannarci con sincerità, dicendoci la verità. Lui sa che ci siamo e noi sappiamo che lui lo sa. Bisogna perdersi per ritrovarsi altrove. Costellazioni di esistenze sparpagliate e nostalgie di malinconie. Principi di combustione senza fratture. L’importanza dell’attesa e della famiglia. Il calore essenziale degli affetti e del ricordo. La rinascita come ricostruzione. Il dinamismo circolare delle ipotesi, l’autenticità. Il flusso ritmico pulsa prima del senso avvolgendo il lettore e cospargendolo, interiormente, di tracce di essenza. Questa raccolta, come direbbe Nanni Balestrini, è per un pubblico che non minaccia proprio nessuno ed è mite, generoso, attento, prudente, devoto, ingordo, immaginifico, un po’ inibito, pieno di buone intenzioni e di falsi problemi di cattive abitudini e di pessime frequentazioni di mamme aggressive e di desideri irrealizzabili di dubbie letture e di slanci profondi. Per un pubblico che non è assolutamente cretino, non è sordo, indifferente, malvagio. Non è insensibile, credulone, senza troppe pretese o che se ne lava le mani e giudica frettolosamente. Questa raccolta è per un pubblico che ama il pubblico della poesia ed è infinito, vario, inafferrabile come le onde dell’oceano profondo. Per un pubblico bello, aitante, avido, temerario, impavido e intransigente. Il principio di un viaggio è il pensiero e Raffaele Niro è indicativamente passato prossimo a un tempo futuro.

©Dimitri Fulignati

Annunci

Twitter

Rhymers’ Club supports Tacheles!

WHEN

ottobre: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivio

Annunci